Mettere a rischio il sistema economico basato su turismo costiero e bellezze naturali, sarebbe una decisione scellerata per la nostra regione.

La nostra regione ha ad oggi 47 concessioni attive per piattaforme e pozzi sottomarini per l’estrazione di gas ubicati entro le 12 miglia dalla costa, per un totale di 150 pozzi attivi. Pozzi che producono il 50% del gas estratto in mare sull’intero territorio nazionale, ma le cui riserve totali non basterebbero a coprire il fabbisogno nazionale di gas nemmeno per un anno.

Un’attività, quella dell’estrazione entro le 12 miglia dalla costa, che oltre a non essere utile per l’indipendenza energetica del paese, mette a serio rischio l’intero sistema costiero essendo la principale causa antropica della subsidenza. Per 7,5 milioni di euro di Royalties, pari allo 0,5 % del bilancio annuale della nostra Regione, si sta affossando il sistema economico basato sul turismo costiero, per non parlare del pericolo di danni ad ecosistemi fragili e unici come il Delta del Po.

Le fonti fossili sono causa di inquinamento, dipendenza economica, conflitti, protagonismo delle grandi lobby. Dobbiamo continuare a difendere le grandi lobby del fossile a discapito dei cittadini, che vorrebbero meno inquinamento, e delle migliaia di imprese che stanno investendo sulla sostenibilità ambientale e sociale? Noi vogliamo che il nostro Paese prenda con decisione la strada che ci porterà fuori dalle vecchie fonti fossili, innovi il nostro sistema produttivo, combatta con coerenza l’inquinamento e i cambiamenti climatici. Una strada che è urgente intraprendere in Emilia-Romagna, una delle aree più inquinate d’Europa.

SCOPRI TUTTO QUELLO CHE AVRESTI SEMPRE VOLUTO SAPERE, MA NON HAI MAI OSATO CHIEDERE SUL REFERENDUM: SCARICA QUI IL VADEMECUM

AIUTACI A DIFFONDERE L’INFORMAZIONE, SCARICA I MATERIALI COMUNICATIVI DEL COMITATO:

Appello VOTA SI’ per fermare le Trivelle – Scarica QUI

Logo Comitato Ferma Le Trivelle – Scarica QUI

Volantini informativi “Ferma le Trivelle” – Scarica QUI