Legambiente Bologna

La riqualificazione energetica negli edifici

Vi aspettiamo per l'appuntamento organizzato il 15 marzo alle ore 17:15 presso l'Atelier dell'Urban Center (Sala Borsa, Piazza del Nettuno 3) per parlare di "Riqualificazione energetica negli edifici".

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

PasseggiAmo Bologna - Domenica 5 marzo

Il 5 Marzo, in occasione della terza domenica ecologica del 2017, vi diamo appuntamento per una passeggiata alla scoperta dei diversi angoli della città. L’appuntamento è alle ore 10:00 presso i giardini di Villa Cassarini (Porta Saragozza), con arrivo alle ore 11:30 circa in Piazza San Domenico.

Per l'occaione presenteremo la mappa pedonale "PasseggiAmo Bologna"!

Non mancate!

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

SOCI E SIMPATIZZANTI DEL CIRCOLO SONO INVITATI ALLA ASSEMBLEA DI PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ

 PER ESSERE PROTAGONISTA IN DIFESA DELL’AMBIENTE PER IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI  

SABATO 21 GENNAIO 2017, ORE 9:30 PRESSO LA SEDE DI VIA GORKY 6 A BOLOGNA (CORTICELLA)

 

Cambiamenti climatici, mobilità, rifiuti, consumo di suolo,  conservazione delle risorse idriche.

 

Quali obiettivi e quali azioni per contribuire a limitare il degrado delle risorse naturali e la conseguente perdita di benessere nel territorio della nostra città e provincia?

 

Scarica il volantino.

 

Aderisci quanto prima al circolo di Bologna per l’anno 2017:tutti i dati sul sito  

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI PER SABATO 17 DICEMBRE

Soci e simpatizzanti del circolo Legambiente di Bologna sono convocati in assemblea sabato 17 dicembre 2016 alle ore 10:30 presso la nuovissima sede di Via Gorky numero 6 (presso la COOP di Corticella).

Brindisi di fine Anno e inaugurazione della sede nuova. 

Resoconto delle attività del Circolo per il 2016 (ed approvazione del bilancio).

Possibilità acquisto prodotti tipici umbro / marchigiani  in solidarietà con le zone colpite dal terremoto. 

 Proposte dei soci per attività 2017: è l'occasione giusta per vivere da protagonisti i propri valori in difesa dell'ambiente.

Scarica il volantino!

 

Il Circolo di Legambiente di Bologna. 

 

 

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

26 NOVEMBRE 2016: IMPORTANTE INCONTRO SULLA MOBILITA' A BOLOGNA

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

INCONTRO SUL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE 2016

IL 4 DICEMBRE VOTIAMO: LE RAGIONI DI UN SI O DI UN NO. 

QUALI LE RIPERCUSSIONI IN CAMPO AMBIENTALE? 

Parliamone con:

PAOLO GAZZOLO, Assessore alle politiche ambientali della Regione Emilia Romagna.

PANCHO PARDI, Docente Università di Firenze, membro di salviamo la Costituzione. 

 LUNEDI' 21 NOVEMBRE ORE 20:25 PRESSO IL CENTRO CIVICO LAME, VIA MARCO POLO 51, SALA BLU.

 il confronto sarà moderato da Rodolfo Lewanski, docente di Scienze Politiche, Università di Bologna 

 

 

 

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

Passante di Mezzo: Merola metta la città alla guida del processo e non in posizione subalterna

Dopo un mese e mezzo di incontri, una domanda al Sindaco: le scelte tecniche proposte, l’impegno economico, i tempi contingentati del dibattito sono certamente quelli che vanno a vantaggio di Società Autostrade. Sono anche quelli utili alla città?

Il Passante di Mezzo è l’opera più rilevante che la città metropolitana potrebbe vedere nei prossimi decenni dal punto di vista economico, degli effetti urbanistico-ambientali e probabilmente per le conseguenze sulla mobilità.
Rispetto a questa rilevanza il percorso avviato per coinvolgere la città risulta assolutamente inadatto nei modi, nei tempi a disposizione e, soprattutto, nei margini veri di scelta che Società Autostrade ha imposto. Con un ruolo della politica che pare piuttosto subalterno rispetto al protagonismo del soggetto privato.

Questo a cominciare dalle risorse messe in gioco. Chiediamo infatti al Sindaco, perché dei 1300 milioni previsti per l’adeguamento del nodo di Bologna originariamente solo 600 risultano oggi a disposizione della città, con le rimanenti parti che rimarrebbero a disposizione di Società Autostrade. E’ chiaro che già questo vincolo da solo riduce drasticamente i margini di scelta rispetto ad altre soluzioni strategiche, come l’interramento o la realizzazione di ulteriori tratti coperti. Un’abdicazione grave da parte del sistema politico territoriale.

Rispetto poi al percorso partecipato, una decisione così rilevante non può essere sostenuta da un confronto ridotto a soli due mesi effettivi, in cui gran parte dei partecipanti hanno trovato ben poco della democrazia raccontata inizialmente, e in cui le articolazioni democratiche locali sono rimaste in secondo piano, delegando il racconto del futuro di Bologna alla visione della Società Autostrade. Non vorremmo che i motivi della fretta fossero legati all’entrata in vigore nel 2018 delle nuove disposizioni sugli appalti in house da parte dei concessionari autostradali, che ridurrebbero i margini della Società privata.
Sarebbe inoltre opportuno sapere se le molte domande e richieste emerse nel corso dei confronti troveranno risposte in questa fase, o si avranno solo a giochi fatti, una volta che il progetto passerà al Ministero.

Chiediamo come mai Sindaco e città Metropolitana non siano arrivati ai tavoli di confronto prima di tutto con un’idea strategica di città e della sua mobilità connettiva su cui chiedere ad Autostrade di uniformarsi. Appare piuttosto il contrario: la città sembra dover rincorrere le proposte dell’azienda senza veri confronti tra alternative.
Questa grande opera non è stata inserita nel quadro del PUMS (il piano urbano della mobilità sostenibile ancora solo accennato) e nemmeno si è trovato sui tavoli di discussione una contestuale idea di riassetto della mobilità e i piani di investimento per le altre parti della mobilità bolognese.

Ci chiediamo inoltre perché non sia stata presa in considerazione dall’Amministrazione, come avevamo chiesto tempo fa, la possibilità di un apposito sovrapedaggio per i transiti nel nodo bolognese a vantaggio della mobilità sostenibile, in particolare quella su ferro anche a favore del trasporto di merci, e della riduzione dell’inquinamento (un aumento di 10 cent comporterebbe qualche milione all’anno).

Insomma, per usare una metafora, il percorso partecipato a cui la città è chiamata serve solo per decidere il “colore e gli accessori della casa”, non “com’è fatta, quante stanze ha” ecc. E, soprattutto, a gestire il percorso è chi farà l’intervento che ha già deciso quanti soldi ci sono.

Chiediamo quindi che, per giungere ad una scelta in grado di garantire veramente i massimi benefici alla città, si riveda l’accordo blindato dell’aprile scorso tra Ministero -Regione ER – Società Autostrade, al fine di mettere nelle condizioni di valutare appieno tutte le ipotesi progettuali, con risorse economiche adeguate per attuarle, e tempi sufficienti ad una partecipazione democratica e consapevole.

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

Puliamo il Mondo a Bologna!

Legambiente Bologna nell’ultimo fine settimana di settembre organizzerà come consuetudine l’iniziativa Puliamo il Mondo.

Tutti gli appuntamenti sono a partecipazione libera e gratuita, basta presentarsi all'ora e nel luogo indicato per la pulizia. Guanti e sacchi saranno messi a disposzione dei volontari.

Vi aspettiamo numerosi ad uno o più di questi appuntamenti:

 

SABATO 24 SETTEMBRE

ORE 10  Parco XI Settembre, via Riva di Reno/Azzogardino, ritrovo  all’entrata su via Riva di Reno

 

DOMENICA 25 SETTEMBRE


ORE 10 Parco Carlo Broschi Farinelli (Parco Casa Gialla),

ritrovo in piazza da Verrazzano

 

ORE 10 Parco Tanara, a cura dell’Associazione Il Parco, ritrovo a Ca’ Larga, via del Carpentiere 14

 

Le iniziative sono realizzate in collaborazione con Hera e Comune di Bologna

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

Passante di mezzo: facciamo il punto

Legambiente promuove un confronto su questa discussa infrastruttura tra associazioni ambientaliste, comitati di cittadini dell'area metropolitana, esperti nel campo della mobilità e dell'urbanisitica.

Appuntamento mercoledì 21 settembre alle ore 20.45 presso il Centro Civico Lame (via Marco Polo, 51)

 

Leggi tutto

chiudi

Legambiente Bologna

Gruppo di acquisto bici elettriche

Al via il primo gruppo di acquisto Bici Elettriche: l'unione fa la bici!

Aperte le adesioni in tutta l’Emilia-Romagna, con vantaggi speciali su Bologna.

Stanchi di andare a lavoro in macchina o motorino, spendendo cifre da capogiro in benzina ma non avete voglia di arrivare affannati in ufficio? Niente paura, abbiamo la soluzione! In collaborazione con VeloLove e www.viviconstile.org, abbiamo organizzato il GAME (Gruppo di Acquisto Mobilità Elettrica), un gruppo di acquisto diretto proprio a coloro che vogliono lasciare a casa l’auto e il motorino per recarsi a scuola o al lavoro in bici elettrica.

Il GAME, in Italia, è il primo gruppo di acquisto di bici a pedalata assistita, promosso da più città sul territorio nazionale, con la formula prodotto+servizio.

Il progetto è diretto soprattutto a chi va al lavoro o a scuola compiendo tragitti entro i 10 km ogni giorno e in maniera ripetitiva. I pendolari, insomma, sono la principale categoria che beneficerebbe della bici elettrica, sia in termini di risparmio economico che di salute. La possibilità di andare in bici almeno un paio di giorni a settimana, in media, farebbe risparmiare loro circa 2/300 euro all’anno per quanto riguarda la benzina e le spese di mantenimento dell’automobile. Rispetto all’utilizzo giornaliero di uno scooter, il risparmio è ancora più significativo: considerando una media di 10 km al giorno per un totale di 2200 km annuali, un’e-bike farebbe risparmiare circa 550 euro l’anno. Senza contare il miglioramento della forma fisica e il conseguente risparmio sull’iscrizione in palestra!

L’uso quotidiano della bici contribuirebbe a tenere sotto controllo anche l’inquinamento, con riduzioni ben evidenti: si calcola che una bici che mediamente copre una distanza di 2400 km ogni anno, emetta 5g di CO2/km per essere prodotta e mantenuta. Se tutta la popolazione europea utilizzasse la bicicletta per i propri spostamenti quotidiani, avremmo un taglio di emissioni compreso tra 62 e 139 tonnellate, cioè tra il 5 e il 12% dell’obiettivo Ue 2020.

Abbiamo inviato alle aziende italiane produttrici un bando per trovare l’offerta tecnicamente più valida ed economicamente più vantaggiosa per due tipi di prodotti, tra loro alternativi: una ruota che trasforma in poche mosse la bici “convenzionale” in una a pedalata assistita, oppure una bici a pedalata assistita completa di tutto. In questo modo, i cittadini aderenti possono decidere cosa sia meglio per loro.

L’obiettivo in termini di sconto sarebbe quello di ottenere una riduzione tra il 10% e il 20% rispetto al prezzo di listino, con un ulteriore vantaggio per i residenti di Bologna: questi, infatti, potranno accedere ad un servizio di assistenza della durata di un anno, presso un rivenditore cittadino convenzionato.

Queste sono le offerte delle aziende vincitrici per il gruppo d’acquisto:

A seguito della presentazione delle offerte tecnico/economiche, la loro valutazione e scelta dell’offerta ritenuta migliore dalla commissione degli aderenti,  si è conclusa la fase istruttoria del G.A.M.E e siamo a comunicarvi il nominativo delle due aziende partner per la fornitura di ruota elettrica e bici elettrica per il gruppo di acquisto per la mobilità elettrica.

Si tratta di Flykly, per la ruota elettrica, e di IES-Bike per le bici elettriche.

La ruota elettrica Smart Wheel di Fly Kly
La prima è un’azienda internazionale ben conosciuta agli addetti ai lavori, che offre un prodotto molto leggero, innovativo (si ricarica in frenata) e molto gradevole di aspetto, montabile facilmente al posto della ruota posteriore di tutte le bici.
Si tratta di un’azienda internazionale, con notevoli volumi di vendita, che da quindi delle garanzie anche di continuità avendo a che fare con decine di migliaia di clienti.
Un’altro grande vantaggio di questo prodotto è il controllo tramite cellulare, che consente non solo di tenere traccia di ogni dato relativo alla percorrenza ma anche di bloccare la ruota quando si lascia la bici in sosta, agendo quindi da antifurto.
Il prezzo spuntato è molto interessante: a fronte di un prezzo di listino di 999€ l’offerta per il G.A.M.E è di 720€, che diventeranno 620€ se riusciremo a raggiungere almeno 40 aderenti. 

A chi è diretta questa offerta: si tratta del prodotto ideale per chi ha già una bici di qualità in garage e vive in città in aeree prive di troppe salite, con spostamenti quotidiani nell’ordine dei 20/40 km.
Offerta e modulo ordine FLYKLY – Ruota elettrica
Manuale di installazione ruota

Le bici di IES-BIKE
IES-bike è un’azienda di milano specializzata nella vendita di bici elettriche da molti anni ed è molto conosciuta nel capoluogo lombardo. È specializzata nella fornitura di bici elettriche ad alberghi e flotte di bike sharing: ha quindi negli anni studiato e scovato i prodotti più robusti, adatti ad un uso prolungato è stressante del mezzo, com’è tipico dei bike sharing.
Robustezza ed affidabilità abbinati ad un prezzo molto interessante sono quindi le ragioni per le quali IES-Bike è stata scelta dai partecipanti.
Un’altro importante punto di forza è la grande varietà delle bici proposte: tutto il catalogo infatti concorre a raggiungere le soglie del G.A.M.E, anche se noi abbiamo selezionato in particolare due bici a trazione posteriore, più indicate per le città con pendenze e salite importanti. 
Si tratta della bici unisex URBAN, robusta e leggera (in alluminio) e ben bilanciata per la presenza della batteria lungo il canotto della sella.

L’altro modello molto interessante è la mountain bike, che è disponibile sia in modello classico che con adattamento a bici urbana (portapacchi, luci, manubrio più alto): caratteristica del modello è la batteria integrata nel telaio ed il motore particolarmente performante.

Il prezzo per la URBAN è di 1214€  (10% Sconto) che diventa di 1146€ se raggiungiamo almeno 20 aderenti e 1012€ se superiamo i 40 aderenti.
Per la Mountain bike il prezzo è di 1304€ che diventano 1232€ oltre le 20 adesioni e 1087€ oltre le 40 adesioni. 

A chi è diretta questa offerta: si tratta di un prodotto robusto, adatto ad un uso quotidiano che può sostituire in toto l’uso dell’automobile, anche nelle città con forti pendenze.
Offerta e modulo d’ordine IES-BIKE

È importante quindi che facciate girare la voce tra amici e conoscenti che possono essere interessati… Più persone aderiscono al G.A.M.E è più il prezzo scenderà, con evidenti vantaggi per tutti.

IMPORTANTE: per finalizzare l’acquisto si dovrà compilare, firmare e spedire via mail la scheda che trovate nelle rispettive documentazioni, all’indirizzo indicato dall’azienda  e in CC a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori info potete fare riferimento a:
Gruppo di acquisto bici elettrica:
Legambiente Sicilia
Tommaso Castronovo
tel .091.301663
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gruppo di acquisto kit ruota elettrica:
Stefania Pesce
Legambiente Liguria Onlus
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 010/319168

Leggi tutto

chiudi